Puntata 1 – Enjoy the weekend

1. Artful Dodger – R U Ready

2. Boy George – Let Somebody Love You

3. Rod Stewart – I don’t want to get married

4. Baha Men – Who lets the dog out

1. Artful Dodger – R U Ready

Chissa se hanno preso il nome da qua…

Jack Dawkins, meglio conosciuto come Artful Dodger, è un personaggio del romanzo Oliver Twist di Charles Dickens. Il Dodger è un borseggiatore, così chiamato per la sua abilità e astuzia in quell’occupazione. È il capo della banda di criminali infantili, addestrato dagli anziani Fagin.

Gli Artful Dodger sono un gruppo britannico di musica garage e R&B.

Gli Artful Dodger raggiunsero molta popolarità per le loro hits in stile 2-step garage e rappresentarono il trampolino di lancio per la carriera di Craig David, che comparve in alcuni loro singoli, compreso “Re-Rewind”, al numero 2 della classifica singoli britannica nel dicembre 1999.

Artful Dodger – R U Ready

Are you ready ready London
For the sounds of the Artful Dodger
Doin’ it again and again
Get up get up get down
Tell your friend
Ah with a blend and a mixer
Tapin’ up across Vader
Come like Darth Vader
As we lick you with the light saver
This ones for the Garage Raver
Best be on your best behaviour
Comin’ uppa R&B vocalist
Come rapper deal wit’ thing proper
Comin’ uppa R&B vocalist
Come rapper wit’
The Artful Dodger
Are you ready
(You ready you ready)
Are you ready

2. Boy George – Let Somebody Love You

La band che ci ha regalato alcune hit indissolubilmente legate agli anni Ottanta, come «Karma Chameleon» e «Do You Really Want To Hurt Me», fa così il suo ritorno sempre guidata dal carismatico leader Boy George e con gli altri membri del gruppo Roy Hay, Michael Craig e Jon Moss.

Il singolo «Let Somebody Love You» è accompagnato anche da un divertente videoclip, per la regia di Howard Greenhalgh (già collaboratore di Pet Shop Boys, Muse e George Michael). Nel video Boy George manda il messaggio “parlate delle cose che amate piuttosto che delle cose che odiate” da uno Speaker’s Corner, spostando l’interesse dei presenti dalle proteste.

 

Boy George – Let Somebody Love You

I am a poet in New York City
You can see your face in my shoes
I’m young and I’m alive, I’ve got nothing to lose
A dream, a broken lie, a kiss, so much to resist
And then I find you
I am fire, you are water, nothing we can do
I walk into the room and light your fuse
Love is revolution
War and famine too
Feed the hunger in your heart
Let somebody love you
Let somebody love you
Now I’m in the wilderness, somewhere in the heart of Spain
Youth lights it up with a smile saying “Sing it again”
A dream, a broken lie, a kiss, so much to resist
And then I find you
I am fire, you are water, nothing we can do
I walk into the room and light your fuse
Love is revolution
War and famine too
Feed the hunger in your heart
Let somebody love you
Let somebody love you
Live and direct, got a boy or a girl in your hand
Could it be something I did or something you said
Live and direct, got a boy or a girl in your hand
When the two sevens come together
I’m gonna love you forever and ever
I am fire, you are water, nothing we can do

3. Rod Stewart – I don’t want to get married

Ultimogenito di una coppia origine scozzese, Rod e sua madre Elsie sono gli unici Stewart nati in Inghilterra: a Highgate sobborgo di Londra. Suoi padre, due fratelli e due sorelle nati tutti in Scozia. Molto fiero della sua origine scozzese, è sempre stato un grande sostenitore del Celtic e della nazionale scozzese, nonché calciatore dilettante. Gioca tuttora, quando può, in una squadra seniores. Il calcio fu la prima vocazione di Stewart, tanto da avere la possibilità di ottenere un contratto da professionista, ma la sua passione per la musica, iniziata cantando nei gruppi skiffle di Londra, si rafforzò con un tour europeo del cantante folk Wizza Jones, che decise di portarlo con sé come corista.

3. Rod Stewart – I don’t want to get married

Why don’t you lay with me?
No, I can’t do that
Why don’t you touch me man?
No, I can’t do that
Sit down on my big grass bed
Oh I must then do that
I know you fancy me
I may do that
I don’t want to get married
It’s too expensive
I don’t want to get married
Can’t stand her relatives
I don’t want to get married
I have no motor car
I don’t want to get married
I have no furniture, yeah that’s right
Why don’t you call me up?
No I can’t do that
Why don’t you ask me out?
I can’t do that
Come around and meet my mum
I may do that
She has some special rum
Ooh I may do that, oh yeah
I don’t want to get married
I love my motorbike
I don’t want to get married
I’m learning bagpipe
I don’t want to get married
I can’t afford it
I don’t want to get married
She lives in Shoreditch, yeah, Shoreditch

4. Baha Men – Who lets the dog out

Who Let the Dogs Out? è una canzone originariamente scritta e registrata da Anslem Douglas per il carnevale di Trinidad e Tobago nel 1998

Fu ascoltata e registrata da un parrucchiere inglese che la fece sentire a Jonathan King che la registrò e la pubblicò, sotto il nome d’arte di Fatt Jakk and his Pack of Pets

La canzone arrivò all’attenzione di Steve Greenberg, che la produsse per un gruppo, i Baha Men, che stava promuovendo. I Baha Men registrarono il brano, che fu utilizzato per la colonna sonora di Rugrats in Paris: The Movie ed in seguito pubblicata come singolo nel 2000.

Il singolo ottenne un notevole successo arrivando al secondo posto della classifica dei singoli inglesi, e divenne il quarto singolo più venduto nel Regno Unito nel 2000. Inoltre in Australia il singolo arrivò alla prima posizione dei singoli più venduti, e vinse il Grammy Award nel 2001 come “miglior disco dance”.

In un sondaggio condotto dalla rivista Rolling Stone Who Let the Dogs Out? è stata votata terza fra le dieci canzoni più “fastidiose” della storia.

La versione registrata da Anslem Douglas è tuttora molto suonata a Trinidad e Tobago, mentre quella dei Baha Man con il tempo è diventata una specie di inno sportivo, spesso suonato negli stadi.

4. Baha Men – Who lets the dog out

Who let the dogs out
Woof, woof, woof, woof, woof
Who let the dogs out
Woof, woof, woof, woof, woof
Who let the dogs out
Woof, woof, woof, woof, woof
Who let the dogs out
The party was nice the party was pumping
Ah yepee ah yo
And everybody having a ball
Yepee ah yo
And tell the fellas stop the name callin’
Yepee ah yo
Then them girls respond to the call
I hear a woman shout outâ?¦
Who let the dogs out
Woof, woof, woof, woof, woof
Who let the dogs out
Woof, woof, woof, woof, woof
Who let the dogs out
Woof, woof, woof, woof, woof
Who let the dogs out
Last year in the dance you had a ball
You call me millibug and skettell
Get back gruffy, mash scruffy
Get back you flea infested mongrel